Reanimator revised

Qualche tempo fa ho avuto l’orrida notizia che la moda del teen-remake è arrivata a toccare anche quel piccolo classico del gore che è Reanimator, con prevedibili risultati di epic failure: le foto di preview farebbero incazzare chiunque da quanto sono malfatte e ovviamente sono riuscite a strappare l’ennesimo “ma stiamo scherzando?!” di incredulità alla sottoscritta.
Personalmente, non sono contraria al remake, se è fatto da gente con un minimo di cognizione di causa: si diceva che Brian Yuzna aveva intenzione di fare qualcosa del genere in futuro e al di là della sua abilità personale, avere il team originale sicuramente avrebbe dato risultati migliori dell’aborto linkato sopra. Inizialmente mi ero chiesta: quanta audience può sperare di avere una serie televisiva *per teenager* dedicata a un rianimatore di cadaveri con un’etica discutibile e più omicidi alle spalle di John Wayne Gacy? A quanto pare, basta prendere un po’ di ventenni bellocci e dallo zigomo affilato, magari mettere qualche stellina glitter sul Necronomicon per coprire le parti peggiori e voilà, il prodotto finale è pronto per il nutrito pubblico di (non esattamente) teenager che si sciroppa da qualche anno qualsiasi stronzata soprannaturale.

Cliccate sulla foto per apprezzare al meglio il new look del povero Herbert West, se riuscite a sopravvivere ai lens flare. Da notare il reagente che per qualche motivo da verde è diventato viola, forse perchè fa più gggotico.

Il perchè di tutto questo rant? Ma per introdurre la mia personale versione del personaggio, ovviamente!

Ho passato gran parte del ponte a casa dei miei e già da un po’ volevo usare la loro orrida soffitta prima che i muratori buttino giù tutto e bonifichino l’area liberando i miei gatti da incubi di piccioni mutanti assassini e me di una location per scatti horror… non avendoci messo piede da mesi, mi ero mentalmente preparata set diversi (una ghost story vittoriana? Un esorcismo vecchio stile?) ma dopo un sopralluogo e una sessione di brainstorming su quanto il martire modello era disposto a subire (c’è un limite anche per il fratello più paziente!), ho deciso di metter mano nuovamente alla collezione di cianfrusaglie di famiglia, questa volta a tema medico, e realizzare un piccolo tributo a Reanimator. Un processo laborioso, dato che ci sono volute circa tre ore di lavoro per creare il set, quattro per gli scatti veri e propri, un’altra oretta per sbaraccare di nuovo tutto e il resto della serata per decontaminarmi dai chili di polvere tossica accumulati nel processo. Di contro, la post è stata molto più veloce del solito, dato che volevo avere scatti volutamente grezzi, con colori neon e sgranature da filmaccio anni ottanta (il primo Reanimator è dell’85).

4 Comments

Filed under NERDINESS, PERSONAL, PHOTOGRAPHY

4 responses to “Reanimator revised

  1. Matteo

    Come sempre rimango affascinato dalle tue foto… idee, costumi, realizzazione! Questa serie è bellissima! Grazie!!!

    • Thanks! Anche se in realtà qui di costume c’è veramente poco o niente, è tutta roba che abbiamo in casa (e dice molto sulla mia famiglia, hahaha) ^_^

  2. Cabbot

    I don’t even know Portuguese (now I’m trying though), I just want to say that before I translate your article for a few hours, the photos are absolutely great. And you did express a great point. That TV show of the Reanimator in ‘high school’ was awful and the actor they picked was ridiculous! Thanks for incredible work on the article and the photos!

    • Hehehe, I’m Italian not Portuguese, so google translator will be of little help with the wrong setting! ;-)

      I have yet to see anything but the pictures of the Reanimator series, but those are more than enough to put me off!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s